Presentazione Mostre Calendario
Mostre
Santa Giulia
• Luis Gonzàles Palma
• Camera Work
• Lucien Hervé
Palazzo Bonoris
• Contempor'art
Sala Ss. Filippo e Giacomo
• Privato Veneziano
Palazzo Loggia
• Brescia-Cairo
Università Cattolica
• Ugo Mulas
LABA
• Jean Janssis
Museo Ken Damy
• Duane Michals
Atelier degli Artisti
• Rafael Navarro
Galleria Ucai
• Giovanni Sesia
Galleria dell'incisione
• Elliott Erwitt
Massimo Minini
• Elisabetta Catalano
Immagina di stile
• Joe Oppedisano
Fabio Paris
Art Gallery
• Bruno Muzzolini
Desart
• Michelangelo Consani
Ass. Culturale
La Parada
• Eikoh Hosoe
Chiostro di
S. Francesco
• Homo viator
L'olmocolmo
• Marco Utili
Effe Architettura d'interni
• Jerry Magro
Matrix
• Joyce Tenneson
Nap
• Prabuddha das Gupta
B.ART
• Walter Pescara
Kokeb – La Vineria
• Ousmane Ndiaye Dago
Just do it
• Dalla Bernardina - Gatti
Photogroup
• Maurizio Stacchi
Mentelocale
• Mauro Maffina
Centro Culturale l'Arsenale
• Jeff Dunas
Ufficio Turistico d'Iseo
• Lucien Clergue
Centro Arte Lupier
• Jan Saudek
Torretta Civica
di Sarnico
• Il vento dell'est

 


Biennale Internazionale di Fotografia di Brescia 2004


Kokeb – La Vineria
Piazza della Loggia - Brescia
Ousmane Ndiaye Dago
a cura di Piero Cavellini

Ousmane Ndiaye Dago è uno degli artisti più originali attivi in Africa, famoso per la sua opera grafica e la ricerca sulle donne. "Femme-Terre" è una delle serie da lui realizzate nel corso di questa ricerca nel paese di origine, il Senegal, e comprende lavori di grandi dimensioni. La serie, rappresentativa del forte legame che l’artista avverte per la propria terra, ritrae donne africane nude, la cui pelle è stata dipinta dallo stesso Dago attraverso pennellate di tinture naturali. I materiali utilizzati sono i più vari: dall’argilla al fango, dal carbone al gesso e ricreano le sfumature delle sabbie d’Africa, camuffando il colore della pelle delle modelle. Ocra, giallo, marrone, nero e rosso vengono fatti seccare sui corpi delle ragazze che appaiono così più sculture che donne.
Dago non mostra mai il volto delle modelle, che vengono riprese di spalle o il cui capo è escluso dall’inquadratura. Nasconde il loro sguardo con giochi creati dalla capigliatura, dai tessuti e dalle coperte che le avvolgono, anch’esse “sporcate” di colore, ottenendo una forte energia seduttiva e vitale.
Le linee morbide dei corpi “travestiti”, i veli che li avvolgono in pose intime e da rituale, le collane di conchiglie e pietre dai vari colori creano movenze accattivanti, con una carica ipnotica su chi le osserva.
Davanti alle immagini di Dago si dimentica di essere di fronte a delle modelle. Le donne senza volto assumono infatti una valenza che va al di là del tempo e del singolo individuo.

Francesca Valenti

dal 10 giugno al 5 settembre
tutti i giorni dalle ore 18 alle 2
martedì chiuso
inaugurazione giovedì 10 giugno alle ore 21 cocktail

torna su

Ousmane Ndiaye Dago

 
   
Biennale Internazionale di Fotografia di Brescia 2004
Telefono preferenziale 0303774829 dalle ore 15:30 alle 19:30 - lunedì chiuso
25122 Brescia, corsetto sant'agata 22 loggia delle mercanzie
tel. 0303750295 fax 03045259 e-mail: info@museokendamy.com - http://www.museokendamy.com