Presentazione Mostre Calendario
Mostre
Santa Giulia
• Luis Gonzàles Palma
• Camera Work
• Lucien Hervé
Palazzo Bonoris
• Contempor'art
Sala Ss. Filippo e Giacomo
• Privato Veneziano
Palazzo Loggia
• Brescia-Cairo
Università Cattolica
• Ugo Mulas
LABA
• Jean Janssis
Museo Ken Damy
• Duane Michals
Atelier degli Artisti
• Rafael Navarro
Galleria Ucai
• Giovanni Sesia
Galleria dell'incisione
• Elliott Erwitt
Massimo Minini
• Elisabetta Catalano
Immagina di stile
• Joe Oppedisano
Fabio Paris
Art Gallery
• Bruno Muzzolini
Desart
• Michelangelo Consani
Ass. Culturale
La Parada
• Eikoh Hosoe
Chiostro di
S. Francesco
• Homo viator
L'olmocolmo
• Marco Utili
Effe Architettura d'interni
• Jerry Magro
Matrix
• Joyce Tenneson
Nap
• Prabuddha das Gupta
B.ART
• Walter Pescara
Kokeb – La Vineria
• Ousmane Ndiaye Dago
Just do it
• Dalla Bernardina - Gatti
Photogroup
• Maurizio Stacchi
Mentelocale
• Mauro Maffina
Centro Culturale l'Arsenale
• Jeff Dunas
Ufficio Turistico d'Iseo
• Lucien Clergue
Centro Arte Lupier
• Jan Saudek
Torretta Civica
di Sarnico
• Il vento dell'est

 


Biennale Internazionale di Fotografia di Brescia 2004


Centro Culturale l'Arsenale
Vicolo Malinconia 2 - Iseo - Bs
Jeff Dunas
Up Close & Personal
a cura di Ken Damy

Angelina Jolie, Robert Duvall, Maria Grazia Cucinotta, Anthony Hopkins, Nastassja Kinski, Michael Caine, Gillian Anderson, Pete Townshend, Willem Dafoe, Joe Cocker,
James Coburn, Cameron Diaz ed altri artisti.


Il concetto secondo il quale gli attori vengono definiti stelle è un vecchio detto degli anni '20 e '30 - un'epoca in cui definivamo i cinematografi palazzi, luoghi dove gli attori venivano immortalati sullo schermo argentato. Gli attori erano quindi le stelle dello schermo d'argento, un'idea alquanto bizzarra rispetto al punto di vista odierno.
Considero il mio lavoro come un documentario sulla natura, piuttosto che un semplice lavoro di scatti di personaggi famosi e cerco di creare un'immagine eterna della persona che sta davanti alla mia macchina fotografica. Non chiedo mai a loro di interpretare un ruolo quando li fotografo. A causa dei ruoli che i miei soggetti interpretano nella loro vita, mi rendo conto comunque che questi ritratti possono racchiudere momenti della nostra vita che sono influenzati dalle esperienze che viviamo attraverso i loro film o le loro canzoni.
Mi piace pensare che ci sia qualcosa di non tangibile che ci porta ad essere personaggi famosi. Chi sono i veri esseri umani ritratti in queste fotografie e quali qualità possedevano prima di diventare persone conosciute e che hanno permesso loro di avere successo?
Cosa ci attrae di loro, cosa ci fa divertire e ci permette di utilizzarli come sostituti nelle nostre vite immaginarie? E' impossibile stabilirlo ma c'è un aspetto affascinante nel ritrarli. Non voglio fotografare la fama, al contrario cerco di trovare la loro unicità, il magnetismo che possiedono e lascio che quella qualità intangibile penetri nelle mie immagini mentre scatto il mio ritratto delle persone reali che vivono quelle vite.
Quello che forse mi distingue dagli altri, la cui ragione di vita è fotografare celebrità, è il fatto che non vado spesso al cinema. Mi piace vedere film come ogni altra persona ma non lo considero un aspetto fondamentale nella mia vita. La fotografia lo è ed è per questo che realizzo il mio lavoro sulle persone famose partendo da un punto di vista fotografico. In altre parole li faccio entrare nel mio mondo, invece di tentare di essere un satellite nel loro. I personaggi che gli attori hanno interpretato nel loro lavoro o l'immagine che i musicisti proiettano nei loro personaggi pubblici non influenzano in alcun modo la ricerca nella mia fotografia. Il mio scopo, nel mettere insieme le immagini in questa mostra è di presentare ritratti fotograficamente interessanti che parlino della mia storia e del coinvolgimento nella fotografia che è la mia vita; sono io!
Up Close & Personal, è la mia esplorazione personale delle qualità effimere ed intangibili che possiedono i miei soggetti e che li hanno resi famosi e celebri.
L'esperienza condivisa da tutti i miei soggetti è quella di essere famosi, e per questo motivo ho chiesto a molti di loro di descrivere la loro propria, unica "definizione di fama". Com'è dal loro punto di vista e come l'hanno vissuta?
Le citazioni e le dichiarazioni dei miei soggetti fanno luce sul rovescio della medaglia del concetto di fama: il lato migliore e quello peggiore di essere famosi.
Spesso quando il pubblico si trova di fronte a questi personaggi nella vita reale, reagisce come se entrasse in un regno dove la nostra immagine riflessa si separa da noi (esperienza alquanto snervante).
Vorrei che le mie fotografie trasmettessero questa sensazione.

JEFF DUNAS
Los Angeles 2003

dal 12 giugno al 30 giugno 2004
orario dal martedì alla domenica dalle 15.30 alle 19.30
lunedì chiuso
Inaugurazione sabato 12 giugno alle ore 19

torna su

       
Jeff Dunas   Jeff Dunas   Jeff Dunas

 

Biennale Internazionale di Fotografia di Brescia 2004
Telefono preferenziale 0303774829 dalle ore 15:30 alle 19:30 - lunedì chiuso
25122 Brescia, corsetto sant'agata 22 loggia delle mercanzie
tel. 0303750295 fax 03045259 e-mail: info@museokendamy.com - http://www.museokendamy.com