Presentazione Mostre Calendario
Mostre
Santa Giulia
• Luis Gonzàles Palma
• Camera Work
• Lucien Hervé
Palazzo Bonoris
• Contempor'art
Sala Ss. Filippo e Giacomo
• Privato Veneziano
Palazzo Loggia
• Brescia-Cairo
Università Cattolica
• Ugo Mulas
LABA
• Jean Janssis
Museo Ken Damy
• Duane Michals
Atelier degli Artisti
• Rafael Navarro
Galleria Ucai
• Giovanni Sesia
Galleria dell'incisione
• Elliott Erwitt
Massimo Minini
• Elisabetta Catalano
Immagina di stile
• Joe Oppedisano
Fabio Paris
Art Gallery
• Bruno Muzzolini
Desart
• Michelangelo Consani
Ass. Culturale
La Parada
• Eikoh Hosoe
Chiostro di
S. Francesco
• Homo viator
L'olmocolmo
• Marco Utili
Effe Architettura d'interni
• Jerry Magro
Matrix
• Joyce Tenneson
Nap
• Prabuddha das Gupta
B.ART
• Walter Pescara
Kokeb – La Vineria
• Ousmane Ndiaye Dago
Just do it
• Dalla Bernardina - Gatti
Photogroup
• Maurizio Stacchi
Mentelocale
• Mauro Maffina
Centro Culturale l'Arsenale
• Jeff Dunas
Ufficio Turistico d'Iseo
• Lucien Clergue
Centro Arte Lupier
• Jan Saudek
Torretta Civica
di Sarnico
• Il vento dell'est

 


Biennale Internazionale di Fotografia di Brescia 2004


Santa Giulia Museo della Città
Via Musei 81/b - Brescia

Lucien Hervé
Fotografie di architettura - Le Corbusier
20 vintage print - 20 print later
a cura di Fabio Castelli e Silvana Turzio

Le vite eccellenti sono baciate dal destino, si dice. E' il caso anche di Lucien Hervé. Si legge sempre che è stato scoperto quesi per caso da Le Corbusier nel 1949 dopo che aveva fotografato a Marsiglia la Cité Radieuse ancora in costruzione. L'aneddoto è di qualità: Lucien Hervé vede in cantiere un cartello "I signori fotografi sono pregati di consegnare le fotografie scattate". Ligio all'invito, Hervé spedisce all'architetto le immagini che ha scattato in un giorno solo, 650, forse di più, con tanto di provini a contatto. Lui, Le Corbusier, guarda stralunato: inquadrature spigolose e storte che ricordano quelle tanto diffuse negli anni Trenta, ma questa sono più dure, insolite nel loro essere prive di concessioni, ombre nette come grandi tratti neri a righello che costruiscono una superficie geometrica, operai sperduti e isolati in macchie di luce, grana del cemento a vivo, tagli asimmetrici, volumi che chiudono lo spazio in primo piano per una buona metà della fotografia e si aprono verso punti di fuga laterali, immagini sgraziate, senza rispetto alcuno della documentazione planimetrica, incuranti della sezione aurea, dimentiche della necessità di calibrare le tonalità dei grigi per rendere leggibile il dettaglio. La fotografia non serve per capire l'intenzione dell'architetto. Però è viva. Viva la materia come Le Corbusier l'aveva pensata, e mai vista prima in fotografia. Viva e vibratile la stampa dalla quale emana uno strano magnetismo: si comincia a guardare e non si smette, attratti dalla scansione di pertugi luminosi e di grandi zone d'ombra che restituiscono la stessa percezione fisica di caldo e freddo di quando si entra e si esce realmente dalla costruzione. Le Corbusier pensa a questo Lucien Hervé - ma chi sarà mai, deve essere quello delle fotografie della Tour Eiffel, così insolite… - e gli scrive "lei sa vedere l'architettura, venga a trovarmi…"Lucien Hervé scopre l'architettura e la sua vita cambia direzione, ma contrariamente allestorie da leggenda, non si avventura senza un bagaglio costituito prima.
Fotografo, lo era già prima della guerra. Quando entra nel 1938 nel mondo della fotografia, lo fa per caso, come molti emigrati dai paesi dell'Est, ma non è un caso se prende la via maestra: Marianne, dove pubblica la sua prima fotografia, è edita da un giovane e spericolato Gallimard, è diretta da Georges Kasse! - i due sono gli stessi di Detective, il primo mensile di cronaca nera, è disegnata da Lucien Vogel, che aveva voluto anche la famosa Vu, dove approderà poco dopo anche Lucien Hervé. Marianne è il solo periodico che pubblica in grande formato anche le immagini, che ricorre a un'alta qualità tipografica e grafica, che ospita le migliori penne e chiama i migliori fotografi. E allora bisogna pensare che, oltre ad una buona dose di fortuna, questo giovane ungherese avesse soprattutto del talento. Siamo alla fine degli anni Trenta. La stampa quotidiana e periodica è arrivata negli ultimi dieci anni all'apice di una trasformazione radicale indotta dalla diffusione della fotografia nei tre settori che la compongono: l'informazione,la moda, e la pubblicità. Parigi, a detta dei professionisti, è uno dei centri più importanti per la fotografia. Convivono sperimentazioni e uso documentario, la ricchezza visiva e letteraria di riviste rivoluzionarie come Minotaure e Documents e i primi reportages di Capa in Spagna per Vu, l'impegno per il reportage di ampio respiro e le fotografie di una Germaine Krull rigorosa nella costruzione dei volumi architettonici , le espressioni della prima fotografia "umanista" leggera e ironica e le serie inquietanti di Ubac. C'è tanto e di tutto. Grande libertà espressiva, ma anche grande probabilità di produrre immagini già viste nel seguire le orme dei fratelli maggiori. Lucien Hervé invece, mostra un tratto tutto suo, inconfondibile. Le poche immagini d'epoca di questo periodo sono istantanee scattate in strada, di "reportage" si potrebbe dire, se non fosse che la dominante delle ombre che Hervé usa come pennellate sul negativo è così forte che il soggetto quasi scompare davanti alla loro prepotenza. E' evidente da subito l'interesse per l'astrattismo della superficie fotografica più che la narrazione.
Le sue fotografie, anche le più documentarie, sono sempre costruite sui rapporti tra la profondità data dalle sfumature nelle masse dei grigi e la densa materia dei toni scuri che blocca lo sguardo in superficie. I personaggi, anche nelle immagini più vicine alla coeva corrente umanista, parente della nostra fotografia neorealista, sono puntiformi misure antropometriche di spazi scanditi da elementi urbani, geometrie di bianchi e neri. Quando, dieci anni dopo, si misura con l'architettura, ritrova l'armonia iniziale. Lo spazio del cielo è quasi sempre cancellato a favore di vuoti e pieni calibrati come in una scultura. La sua, è stato detto, è un'estetica del vuoto. Città, architetture sono luoghi dove gli uomini si agitano forse solo per tracciare sui muri o sul selciato ombre da disegnare sulla pellicola..

Fabio Castelli e Silvana Turzio

dall'11 giugno al 5 settembre 2004
orario dal martedì alla domenica dalle 10 alle 18
lunedì chiuso
inaugurazione venerdì 11 giugno alle ore 17

torna su

     
Lucien Hervé   Lucien Hervé   Lucien Hervé

 
   
Biennale Internazionale di Fotografia di Brescia 2004
Telefono preferenziale 0303774829 dalle ore 15:30 alle 19:30 - lunedì chiuso
25122 Brescia, corsetto sant'agata 22 loggia delle mercanzie
tel. 0303750295 fax 03045259 e-mail: info@museokendamy.com - http://www.museokendamy.com