Presentazione Mostre Calendario
Mostre
Santa Giulia
• Luis Gonzàles Palma
• Camera Work
• Lucien Hervé
Palazzo Bonoris
• Contempor'art
Sala Ss. Filippo e Giacomo
• Privato Veneziano
Palazzo Loggia
• Brescia-Cairo
Università Cattolica
• Ugo Mulas
LABA
• Jean Janssis
Museo Ken Damy
• Duane Michals
Atelier degli Artisti
• Rafael Navarro
Galleria Ucai
• Giovanni Sesia
Galleria dell'incisione
• Elliott Erwitt
Massimo Minini
• Elisabetta Catalano
Immagina di stile
• Joe Oppedisano
Fabio Paris
Art Gallery
• Bruno Muzzolini
Desart
• Michelangelo Consani
Ass. Culturale
La Parada
• Eikoh Hosoe
Chiostro di
S. Francesco
• Homo viator
L'olmocolmo
• Marco Utili
Effe Architettura d'interni
• Jerry Magro
Matrix
• Joyce Tenneson
Nap
• Prabuddha das Gupta
B.ART
• Walter Pescara
Kokeb – La Vineria
• Ousmane Ndiaye Dago
Just do it
• Dalla Bernardina - Gatti
Photogroup
• Maurizio Stacchi
Mentelocale
• Mauro Maffina
Centro Culturale l'Arsenale
• Jeff Dunas
Ufficio Turistico d'Iseo
• Lucien Clergue
Centro Arte Lupier
• Jan Saudek
Torretta Civica
di Sarnico
• Il vento dell'est

 


Biennale Internazionale di Fotografia di Brescia 2004


Ass.culturale La Parada

Via Milano 64 - Brescia

Eikoh Hosoe
Kamaitachi
a cura di Ken Damy e Paolo Clerici
37 immagini b/n 50x60 cm

Kamaitachi (la falce della donnola) è uno dei più singolari lavori che la fotografia, nell'intera sua storia, abbia prodotto. La leggenda del mitico e terrificante animale che nessuno può vedere e che assale i viandanti nella notte e li uccide con la precisione di un taglio di bisturi, aveva terrorizzato il piccolo Eikoh, sfollato dalla metropoli per sfuggire ai bombardamenti. Un racconto che gli adulti di quella regione recitano ai bambini proprio per evitare che si avventurino nelle tenebre.
Con Kamaitachi Hosoe realizza ciò che in teoria la macchina fotografica non potrebbe: registrare avvenimenti emotivi accaduti nel passato. Il recupero dalla memoria dell'antica leggenda è il pretesto per una confessione autobiografica di sentimenti provati e sedimentati... il danzatore Tatsumi Hijikata diviene l'interprete della storia vissuta da Hosoe, ne è lo specchio dove il protagonista si riconosce... Hosoe non segue copioni né costruisce scenografie. Lascia l'interprete di se stesso libero di muoversi fra la gente del villaggio ed i campi di riso. Le reazioni che il danzatore prova e provoca si sovraimprimono a tratti sugli antichi moti emozionali... Ogni immagine della serie è di rara eleganza formale e di ancor più rara ricchezza evocativa. E, straordinario per un lavoro seriale, ogni immagine vive di vita propria. Al di sotto delle sovrastrutture culturali e delle tradizioni, la matrice dell'uomo è comune ed i grandi artisti posseggono la virtù ed il potere di sfiorare le corde che emettono le armonie delle intime lunghezze d'onda. In Kamaitachi le lunghezze d'onda si dilatano e si espandono in un incessante gioco di rimandi perché gli elementi compositivi della fotografia non sono chiusi e forzati nel rettangolo di carta. Immagini "aperte" che ci permettono l'accesso ad infiniti spazi mentali per un'interpretazione fantastica, libera e soggettiva. La malinconia è una viva presenza in Kamaitachi anche quando è frammista alla più ludica delle follie ed all'espressione di vibrante sensualità...

Giuliana Scimè

dal 10 giugno al 5 settembre 2004
orario martedì-mercoledì-giovedì-venerdì-sabato dalle 16 alle 20
chiuso domenica e lunedì
inaugurazione giovedì 10 giugno alle ore 19
chiusura estiva dall'11 luglio al 23 agosto 2004

torna su

     
Eikoh Hosoe:
kamaitachi #8
  Eikoh Hosoe:
kamaitachi #22
  Eikoh Hosoe:
kamaitachi #34


 
   
Biennale Internazionale di Fotografia di Brescia 2004
Telefono preferenziale 0303774829 dalle ore 15:30 alle 19:30 - lunedì chiuso
25122 Brescia, corsetto sant'agata 22 loggia delle mercanzie
tel. 0303750295 fax 03045259 e-mail: info@museokendamy.com - http://www.museokendamy.com