Presentazione Mostre Calendario
Mostre
Santa Giulia
• Luis Gonzàles Palma
• Camera Work
• Lucien Hervé
Palazzo Bonoris
• Contempor'art
Sala Ss. Filippo e Giacomo
• Privato Veneziano
Palazzo Loggia
• Brescia-Cairo
Università Cattolica
• Ugo Mulas
LABA
• Jean Janssis
Museo Ken Damy
• Duane Michals
Atelier degli Artisti
• Rafael Navarro
Galleria Ucai
• Giovanni Sesia
Galleria dell'incisione
• Elliott Erwitt
Massimo Minini
• Elisabetta Catalano
Immagina di stile
• Joe Oppedisano
Fabio Paris
Art Gallery
• Bruno Muzzolini
Desart
• Michelangelo Consani
Ass. Culturale
La Parada
• Eikoh Hosoe
Chiostro di
S. Francesco
• Homo viator
L'olmocolmo
• Marco Utili
Effe Architettura d'interni
• Jerry Magro
Matrix
• Joyce Tenneson
Nap
• Prabuddha das Gupta
B.ART
• Walter Pescara
Kokeb – La Vineria
• Ousmane Ndiaye Dago
Just do it
• Dalla Bernardina - Gatti
Photogroup
• Maurizio Stacchi
Mentelocale
• Mauro Maffina
Centro Culturale l'Arsenale
• Jeff Dunas
Ufficio Turistico d'Iseo
• Lucien Clergue
Centro Arte Lupier
• Jan Saudek
Torretta Civica
di Sarnico
• Il vento dell'est

 


Biennale Internazionale di Fotografia di Brescia 2004


Atelier degli artisti
Via delle Battaglie 36b Brescia

Rafael Navarro
Dipticos
15 diptici b/n in grande formato
a cura di Ken Damy

Concepire un'immagine è elementare, vitale, per una specie che sopravvive attraverso i suoi sogni. Materializzare un'immagine, offrirla alla vasta interpretazione dei sensi, ci permette di rimarcare la differenza tra la capacità onirica comune e la creatività. Nei luoghi oscuri della notte tutti noi abbiamo composto un preludio che quasi nessuno ha saputo trascrivere.
La fotografia, che racchiude gli ultimi anni del secondo millennio, potrebbe sembrare predestinata a ridurre questa distanza, dato che la sua arte genera immagini, senza che il più delle volte risulti necessario conoscere le leggi che governano la sua pratica.
Ansel Adams affermò che solo chi si ritrova nella copia tutto ciò che ha visto (previsto) prima di indagare i misteri di otturatore e diaframma, è un vero fotografo. Questa sintetica definizione, dalla quale molti di noi sono esclusi, mantiene intatto lo spazio che si trova a metà tra il personaggio mitologico Achille e la tartaruga.
L'opera che ci accomuna è una parte di tutto ciò che per otto anni ha occupato la vita del suo autore e numerose pagine di manuali e testi critici.
In quelle pagine si parla di dualità, dei mondi che si affermano o si negano, che si avvicinano o che si allontanano dalle due stampe originali realizzate nel formato 13x18 cm, che costituiscono un lavoro di 69 immagini.
In quelle pagine inoltre si analizza l'aspetto poetico, elementi di psicanalisi, ciò che si ama e ciò che si teme, le relazioni, le molteplici relazioni che hanno ispirato l' autore e forse anche alcuni suggerimenti e regole per la comprensione della sua opera. In questa serie di opinioni indovinate rientra la mia.
Il discorso appartiene solo a colui che è in grado di comporlo, di conseguenza suo è il privilegio di stabilire le proporzioni e di modulare gli accenti. Per questo motivo 15 pezzi dei suoi Diptici sono stati stampati in un formato più grande e hanno composto la serie "Grande Formato": 140x100 cm che permettono una lettura distaccata a coloro che si nutrono di empatia e una lettura più tecnica a coloro che prediligono il dettaglio.
L'opera di Rafael Navarro è un pilastro fondamentale del mio amore per la fotografia da più di 25 anni. Conosco la parte del lavoro che ha esposto e molte altre riflessioni, che una volta materializzate, ha tenuto per sé ( e a volte sogno che possano essere viste dal pubblico). I Diptici in Grande Formato mi hanno restituito l'esercizio della maieutica (metodo di Socrate in base al quale il dialogo del maestro con l'allievo permette a quest'ultimo di scoprire le conoscenze che erano già insite in lui), non mi ricordavo infatti alcuni aspetti che nella scala di valori anteriore erano già miei. Ringrazio Rafael per avermi fatto vivere un'esperienza così affascinante.
Nella Cina antecedente all'ultima riforma linguistica la parola paesaggio era composta dagli ideogrammi acqua e montagna; il carattere empatico di questa cultura rendeva superflua un'ulteriore precisazione.
Credo che i Diptici di Rafael Navarro abbiano la loro radice in quel tipo di architettura che tenta di fuggire dalle limitazioni. Ognuna delle opere lascia libertà di interpretazione e ci rispecchia perché tendenze e fobie, pienezza e vuoto sono sentimenti che ci possono modificare e che allo stesso tempo ci rendono simili e che nella nostra preziosa individualità fanno in modo che ogni interpretazione sia unica.
Ogni diptico racchiude le due premesse di un sillogismo di cui l'autore ha trovato la soluzione e che propone perché il fruitore apporti la terza premessa possibilmente fuori da canoni che reggono la logica, possibilmente più vicini a quelli che reggono il "Koan", strumento comune ad altre filosofie, altrettanto venerabili.
Attraverso i Dipitici si affrontano i temi di Eraclito e Parmenide, di Freud e Lang, dei sentimenti che ispirarono Omero e Mao Tzé Tung, Baudelaire e Van Morrison, composti dalla fermezza del maestro autodidatta, aperto e chiuso a qualsiasi esperienza.
Dettati dagli stati d'animo e dallo sconforto, dall'euforia che è anche tristezza, alla vigilia del giorno e della notte, cercati o incontrati durante un viaggio o negli angoli dell'esperienza, i Diptici trasmettono inquietudine o rilassano. Diptici austeri, alla cui storia appartiene un numero e che non hanno titolo. Originati da un presentimento sorto dall'opera originaria, nella quale nemmeno la simbologia era estranea, e che vengono esposti quando il loro autore sperimenta nuove forme, altri modi di vedere le cose che nascono, sempre, dalla sua propria esperienza.
Ciò che rimane di fronte a voi è il compito di decifrare, di risolvere tutti gli enigmi che un'opera ci pone dal momento in cui viene completata e che si è meritata di essere presente nelle migliori collezioni e nei musei più importanti.

Angel Fuentes

dal 10 giugno al 5 settembre 2004
orario dal martedì al sabato dalle 15.30 alle 19.30
domenica e lunedì chiuso
inaugurazione giovedì 10 giugno alle ore 19


torna su

   
Rafael Navarro   Rafael Navarro


 
   
Biennale Internazionale di Fotografia di Brescia 2004
Telefono preferenziale 0303774829 dalle ore 15:30 alle 19:30 - lunedì chiuso
25122 Brescia, corsetto sant'agata 22 loggia delle mercanzie
tel. 0303750295 fax 03045259 e-mail: info@museokendamy.com - http://www.museokendamy.com