Programma Mostre Calendario Program
Mostre
Santa Giulia
• Appunti fotografia
• Perfume de mujer
• Mu-seum
• Il mondo dell'arte
•Nel silenzio d'una storia
Piccolo Miglio in Castello
• Contempor'art
Sala Ss. Filippo e Giacomo
• Nuove generazioni
Museo ken Damy
• Collezione privata
aab
• Flor Garduño
Galleria Ucai
• Maggie Cardelùs
Università cattolica
• tre visoni al femminile
LABA
• Gruppo Quanta
Ken Damy fine art
• Elaine Ling
Atelier degli Artisti
• Lieve prins
La Parada
• Alma Davenport
Galleria delle Battaglie
• Barbara Forshay
Galleria dell'incisione
• Ritratti
Immagina di stile
• Moskaleva - Frima
Massimo Minini
• Francesca Woodmann
Nuovi Strumenti
• Donnamadrebambina
Paci Arte Contemporanea
• Paola Pansini
Fabio Paris
• Armida Gandini
Primo's Gallery
• Carrano - Galliani
Reali Arte
• Femminile, singolare
sbac - Studio
• Ri-trattare
Teatro Sociale
• Lieve prins
San Desiderio
• Casca il mondo
Mangiafuoco ristorante
• Pamela de Marris
Bar Piazzetta
• Fabiola Quezada
Centro Culturale l'Arsenale
• Saudekova
• Monzoni
Ufficio Turistico d'Iseo
• Laura Morton
Crono Arte contemporanea
• Losciuto - Xiuwen
Villa Glisenti
• Lo spazio inatteso
Centro Arte Lupier
• Autoritratti al femminile
Teatro Alberti
• Teatrini - Sullivan
Arte.Novaglio
• Barbara Tucci
Area Imprinting
• Paesaggio del corpo

 


Biennale Internazionale di Fotografia di Brescia 2006


San Desiderio Via Gabriele Rosa 4 Brescia tel.335265366
Casca il mondo, installazione
Tiziana Arici e Gabriella Goffi
Orario da giovedì a domenica dalle 16 alle 20
Inaugurazione mercoledì 14 giugno alle ore 19
dal 14 giugno al 5 luglio 2006


“Casca il mondo, casca la terra, tutti giù per terra” recita la filastrocca del girotondo sempre più vorticoso. Ma se c’è qualcuno che già li ha buttati per terra, quei bambini? Allora il mondo è all’incontrario e bisogna trovare il modo di raddrizzarlo. Le favole ci hanno sempre provato. Perché, nelle favole, capita ai bambini disoggiacere a incantesimi, di fuggire da orchi e streghe, di superare prove e ostacoli: ma ci sono portenti, talismani magici, che aiutano ad attraversare regioni oscure, barbare e magiche per essere restituiti alle ali dell’innocenza, al gioco come libera scrittura dell’esperienza, senza più barriere tra l’io e il mondo. Una fotografa, Tiziana Arici, ed un’artista abituata all’installazione, cioè alla regia d’oggetti anche trovati e reinventati, Gabriella Goffi, vengono da un’esperienza di laboratori in comunità di bambini che hanno subìto violenze e maltrattamenti, cercando di aiutarli a ritrovare uno spazio di libertà interiore ed espressiva, attraverso la sensibilità per la vita delle forme e dei colori, nel gusto stesso di fare da sé. Tra favole e arte c’è un legame di fondo, nella capacità di credere «in cose che non esistono, pur sapendo che non esistono»: tutti noi crediamo in quel che un’opera d’arte rappresenta come un bambino crede nelle figure che popolano le sue favole. E poi, come annotava Paul Klee quasi cent’anni fa, nel 1912, nell’arte “si può ricominciare da capo”. Si può reinventare il mondo, e fare in modo che le parole coincidano con le cose, se si è capaci di ritrovare lo stesso potere di vedere che è concesso proprio ai bambini. Cioè di mantenere vive tutte quante le qualità dell’essere. Sogni agitati e grotteschi, paurosi e felici dell’infanzia prendono corpo nella grande installazione di Tiziana Arici e Gabriella Goffi tra le colonnine in ghisa d’uno dei capannoni dell’ex De Angeli-Frua di Roè Volciano: videoproiezioni, fotografie, sculture che inscenano minacce e gioie dell’infanzia. Dunque, qui confluisce il “politicamente corretto” (lo sforzo per garantire ad ogni bambino d’essere aiutato ed educato a coltivare il mondo delle immagini, sia come personale capacità di elaborazione simbolica, sia come capacità di mettersi in relazione con forme di conoscenza, di comunicazione elaborate da altri) e il “politicamente scorretto” (l’avventurarsi dell’arte in territori magici, il convocare figure del “rimosso”, dell’indicibile). Tanto per cominciare, non c’è gerarchia nel regno delle creature, mentre si entra nella foresta di colonne come tra gli alberi di un bosco fatato. I bambini, gli animali, le piante parlano tutti la stessa voce della natura: La quale, con gli animali, si schiera qui a difesa dell’uomo, anche quando sono lucertoloni giganteschi, lupi, rospi. Del resto, anche i bambini hanno ali d’insetto, zampe d’uccello. Materiali “poveri” e leggeri (creta, tela, tessuto) mimano, in modo del tutto innocuo, la pericolosità dei mostri veri, in un gioco scanzonato e dolce che fa perno sulla memoria dell’infanzia, che compare come coro vivo, nelle grandi proiezioni fotografiche e video, di bambini che giocano, saltano, cantano. Bambini che hanno avuto quel che tutti dovrebbero avere, un’infanzia non maltrattata, non abusata. Le minacce qui stanno tutte simboleggiate nei “cattivi” della favola, nel lupo in agguato, nell’uomo nero, nel serpentone che può stritolarti nelle sue spire. Ma anche nei nostri passi, quando avanziamo calpestando quell’innocenza: sotto i nostri piedi scorrono immagini di bambini in movimento, che ci ricordano che alcuni tra di loro hanno già conosciuto uno spazio che si indurisce, che si fa addosso alle figure come una persecuzione dell’innocenza. Qui si va già oltre la crosta del mondo, c’è un’energia vitale da liberare, ci sono sussurri, voci e canti che premono. E c’è anche un rospo che aspetta che qualcuno lo baci, per tornare principe. Così come alcune bambine s’aggrappano a un muro, pronte a scavalcarlo, tra ricerca di un’estrema via di fuga, e viceversa angosciosa barriera cieca, senza scampo. Potreste scoprire che spuntano delle ali, alle fuggitive, nel bagliore e nella fosforescenza che segnalano il compiersi di eventi miracolosi. Ma non ci è data nessuna chiaroveggenza, le figure e le minacce sono lanciate nello spazio come dadi per tentare la sorte, in una poetica dell’arbitrio e della sorpresa, su sedie che stanno sospese tra la veglia e il sogno, tra il presagio oscuro e l’apparizione salvifica. La fase arcaica del mondo affiora nel presente come una fiaba infantile e un repertorio di giochi e pupazzi, ma è reale, acquattata dietro l’angolo nell’esperienza quotidiana, quella bruta, primordiale, violenza sui bambini. C’è allora qualcosa da repertorio surrealista, in questo bosco-città come figura dello spaesamento e dei destini incrociati, dove gravano orchi e aleggiano angeli, come stati fluidi ed erratici, tra la pesante, dolorosa finitezza terrestre e la sconfinata leggerezza celeste. La vita è oscurità rischiarata, e gli angeli – i bambini angelicati – qui sono come i venti, addensano l’aria, col loro soffio sostengono il mondo – le sedie volano – , aiutano a trovare la strada verso il paese della vita sognata. Certo gli angeli qui altro non sono che fremito d’alucce, l’impronta di una sacralità perduta, ma l’approccio all’arte, intrecciando le lingue dell’immagine, è offerto come uno spazio di leggerezza e libertà che i bambini possono salvare anche per il loro futuro adulto: un talismano che caccia gli orchi. La «condizione d’infanzia» può diventare una quanto mai consapevole filosofia dell’essere al mondo, ci dicono le due artiste, anche da adulti, se si mantiene la vitale capacità di meraviglia, di fronte alla trama dell’esistenza inscenata nel labirinto della fiaba, prima istitutrice dell’umanità fanciulla: aiuta a scoprire il fervore, l’ostinazione della vita che si intreccia col dolore e la miseria del mondo. Tutto è reso visibile, corporeo, anche la minaccia, nella sua ombra oscura e nel suo sgomento: ma nel riversare all’esterno i fantasmi di un vissuto spaventato, lo incrocia con un continuo gioco di rifrazioni della vita vera che vuole essere pienamente, gioiosamente vissuta. Così come suggerisce nell’allestimento la congiunzione stessa tra forme plastiche – statiche – e forme video, fluide – in un continuo littamento e aggiustamento tra vissuto interiore e mondo esterno. Nella foto, nel video, anche se il mondo non si organizza da solo davanti all’obiettivo, permane un’interferenza della realtà nei confronti dell’intenzione del fotografo. Ricorda che quella realtà non può essere elusa, ricorda che anche la favola parla al mondo. È luogo comune l’aneddoto attribuito a Picasso che, di fronte al disegno di un bambino, avrebbe esclamato: “Sarebbe bellissimo, se fosse di un adulto”. Tiziana Arici e Gabriella Goffi hanno cercato di mantenersi fedeli alla stessa incombenza esemplare e grottesca della fiaba infantile. Il mostro, la densa oscurità che spaventa e seduce, non è solo il tema del rapporto con la bestia, la parte violenta e distruttiva dell’uomo, ma è anche il luogo della malinconia, per chi non riesce a incontrare la pienezza del sé e dell’altro da sé, nell’amore. Ma le due artiste sanno che risalire agli archetipi della paura – il lupo, il serpente, l’uomo nero – , non schiude alcun segreto, che non sia l’inizio d’un cammino che bisogna compiere fino in fondo, piegandosi con tenacia a rianimare ed a proteggere una continuità di vita e di affetti.
Fausto Lorenzi

   
       
Tiziana Arici e Gabriella Goffi   Tiziana Arici e Gabriella Goffi   Tiziana Arici e Gabriella Goffi
     


 
   
Biennale Internazionale di Fotografia di Brescia 2004
25122 Brescia, Corsetto Sant’Agata 22 – Loggia delle Mercanzie
Organizzazione e ufficio stampa tel. 030 3758370 da lunedì a venerdì dalle 15 alle 19
Segreteria Museo Ken Damy tel. 030 3750295 da martedì a domenica dalle 15,30 alle 19,30. Chiuso lunedì
biennalefotografia06@alice.it - e-mail Museo ken Damy info@museokendamy.com