Programma Mostre Calendario Program
Mostre
Santa Giulia
• Appunti fotografia
• Perfume de mujer
• Mu-seum
• Il mondo dell'arte
•Nel silenzio d'una storia
Piccolo Miglio in Castello
• Contempor'art
Sala Ss. Filippo e Giacomo
• Nuove generazioni
Museo ken Damy
• Collezione privata
aab
• Flor Garduño
Galleria Ucai
• Maggie Cardelùs
Università cattolica
• tre visoni al femminile
LABA
• Gruppo Quanta
Ken Damy fine art
• Elaine Ling
Atelier degli Artisti
• Lieve prins
La Parada
• Alma Davenport
Galleria delle Battaglie
• Barbara Forshay
Galleria dell'incisione
• Ritratti
Immagina di stile
• Moskaleva - Frima
Massimo Minini
• Francesca Woodmann
Nuovi Strumenti
• Donnamadrebambina
Paci Arte Contemporanea
• Paola Pansini
Fabio Paris
• Armida Gandini
Primo's Gallery
• Carrano - Galliani
Reali Arte
• Femminile, singolare
sbac - Studio
• Ri-trattare
Teatro Sociale
• Lieve prins
San Desiderio
• Casca il mondo
Mangiafuoco ristorante
• Pamela de Marris
Bar Piazzetta
• Fabiola Quezada
Centro Culturale l'Arsenale
• Saudekova
• Monzoni
Ufficio Turistico d'Iseo
• Laura Morton
Crono Arte contemporanea
• Losciuto - Xiuwen
Villa Glisenti
• Lo spazio inatteso
Centro Arte Lupier
• Autoritratti al femminile
Teatro Alberti
• Teatrini - Sullivan
Arte.Novaglio
• Barbara Tucci
Area Imprinting
• Paesaggio del corpo

 


Biennale Internazionale di Fotografia di Brescia 2006


Atelier degli Artisti
Via delle Battaglie 36 b Brescia tel. 0303753027
Touch
Lieve Prins
a cura di Ken Damy
dall’8 giugno al 14 settembre 2006
orario da martedì a domenica dalle ore 15.30 alle 20
chiusura estiva dall’1 al 31 agosto
inaugurazione giovedì 8 giugno dalle ore 18 alle 21

Lieve è un’artista già conosciuta e apprezzata a Brescia per aver esposto alcuni anni fa, quando,
giovanissima, sconcertava i più per il suo lavoro “in presa diretta” con la fotocopiatrice su cui
faceva recitare la giovane figlia in pubblico. Una produzione d’avanguardia che scardinava tutti i valori
estetici dell’opera d’arte del passato, superando a piè pari il dibattito imperante
sulle “volute e forzate” differenze tra pittura e fotografia.
Le sue fotocopie rubavano alla vita fisica e reale dei modelli il tempo; il magico tempo dello scatto
fotografico che era il “nodo” cruciale del dibattito culturale dell’epoca.
Dalle prime performance ancora di sapore pop-rock alla maturità estetica e formale qui presentata.
Tableaux vivant di grandi dimensioni, in cui il formato A3 delle fotocopie non è più un limite
ma un pregio estetico.
I suoi mosaici sono opere antiche e moderne, citazioni argute e maliziose tratte dalla storia dell’arte
e ripresentate con intelligenza estetica di grande impatto. Un’artista che ha lasciato il segno
e con cui tutti noi “esperti” dobbiamo ancora fare i conti.
La sua presenza alla Biennale non si chiude solo con la splendida mostra all’Atelier degli artisti,
ma dilaga nel teatro sociale in occasione del Più Festival che è già, di per sé, un tentativo globale
di contaminazione dei generi.
A lei si deve l’installazione e i progetto generale della location d tutti gli spettacoli.
k. d.

 

   
       
Lieve Prins   Lieve Prins   Lieve Prins
     


 
   
Biennale Internazionale di Fotografia di Brescia 2004
25122 Brescia, Corsetto Sant’Agata 22 – Loggia delle Mercanzie
Organizzazione e ufficio stampa tel. 030 3758370 da lunedì a venerdì dalle 15 alle 19
Segreteria Museo Ken Damy tel. 030 3750295 da martedì a domenica dalle 15,30 alle 19,30. Chiuso lunedì
biennalefotografia06@alice.it - e-mail Museo ken Damy info@museokendamy.com