una grande mostra a tema per indagare il ruolo antico dello "specchio", fondamentale per capire l'enorme successo avuto dalla fotografia sin dalla sua invenzione. il ritratto fotografico viene usato sin dagli esordi dai pittori come "matrice di copia" per evitare sedute di posa che potevano durare giorni interi, per divenire "opera" autonoma negli ultimi trent'anni del secolo scorso. nel novecento la fotografia di ritratto diviene "democratica" e di largo consumo, perdendo per molto dello specifico artistico, salvo alcuni casi in cui la "qualit " dell'immagine prevale sulla natura descrittiva. questa mostra, negli intenti del curatore, senza poter inevitabilemente essere esaustiva delle centinaia di migliaia di immagini prodotte, intende percorrere gli stili fondamentali e le "mode" conseguenti per giungere sino ai giorni nostri che vedono una ripresa dell'"artisticit " del prodotto finale. dai dagherrotipi alle stampe all'albumina di scuola francese, dai b/n manipolati e colorati manualmente ai recenti cibachrome di grande formato di autori che giustamente intendono essere "solo pittori" anche se usano lo specifico fotografico. un'esposizione di sicuro interesse non solo quindi per gli amanti della fotografia, con molte immagini rare ed esposte al pubblico per la prima volta.



opere esposte:
- 10 dagherrotipi e ambrotipi
- 150 ritratti di compositori, artisti, poeti, attori,
letterati 1877-1880
photoglyptie lemercier et cie; clich :
nadar, pierre petit, carjat, dagron,
mulrier, lopez, lieb rt, truchelut,
charles, benque et klary, m landri,
tourtin, frank, disderi
questi ritratti, stampe originali dell'epoca
incollati a mano sulle riviste paris -th - tre
e paris - portrait (3 volumi), verranno
presentati con il sistema informatico per evitare
danneggiamenti alle riviste.
- 6 ferroytpes anni 1860-1870
- 30 stampe all'albumina, autori vari, dal 1870
al 1890
- 12 ritratti ambientati r.mary 1870-1890
- 2 ritratti studio talbot fine 800
- 20 ritratti ufficiali: zar di russia, principi e
nobilt europee 1880-1910
- numerose carte da visita di medio formato
- 6 ritratti africani (senegal) di de fortier 1908
- 2 ritratti di man ray anni 20/30
- 12 ritratti di principi indiani dipinti a mano,
degli anni 20/40
- 2 ritratti di ghergo, anni 40/50
- 2 ritratti di cecil beaton
- 1 ritratto di blumenfeld

autori contemporanei:
arita, roberto bastianoni, gilles bissot,
olivier christinat, morel derfler, jeff
dunas
, henk gerritsen, catherine gfeller,
mario giacomelli, gligorov, luis
gonzales palma, jean janssis, robert
mapplethorpe, shirin neshat, luigi
ontani, agnese purgatorio, william ropp,
andres serrano, arnuf rainer, arthur
tress, evergon, saudek
con una selezione di stampe digitali tratte dalla
mostra pushkar people di
ken damy & federico dalla vecchia


i maestri:
avedon, irvin penn e skrebneski

consultabili nella sala video su monitor



alcune delle opere esposte sono in vendita


per informazioni: info@museokendamy.com






































ferrotipo


mary


de fortier (particolare)


arita


gilles bissot


jeff dunas


mario giacomelli


henk gerritsen


man ray


agnese purgatorio


william ropp


arthur tress



[ 1998 ]
[ attivitą espositiva museo ken damy ]
[ mostre ]
[ menu principale ]