pierluigi rizzato
nella savana
gomme bicromate stampate da giovanni zuin
a cura di ken damy


allontanarsi da questo mondo dove l’inutile diventa essenziale ed apparentemente indispensabile e immergersi nella natura,
è una necessità per ritrovare la nostra intimità, per recuperare il nostro passato.
non è facile rimanere fermi per lunghe ore ad osservare un animale e attendere che accada l'evento, magari sotto il sole cocente o al freddo
in condizioni estreme; ma le emozioni che si provano quando si riesce a cogliere l’azione, che mai si ripresenta uguale,
nell’eterno riproporsi della vita, ripagano la lunga e snervante attesa, le fatiche del trasporto della pesante attrezzatura fotografica, i disagi di una sistemazione a volte scomoda.
... il luogo che più di tutti mi ha affascinato con la sua irresistibile malìa è il Serengeti, il parco naturale situato al nord della Tanzania,
culla dell’umanità e regno dalla fauna ricchissima.
le pianure che si perdono a vista d’occhio e sfumano in tramonti infuocati,

le distese d’erba senza fine che nascondono i passi felpati di qualche felino, offrono spunti straordinari per un’emozionante e suggestiva visione...
 p r

rizzato sembra sia in possesso del potere di rendersi trasparente, invisibile: gli animali che fotografa sembrano non accorgersi
della sua presenza, continuano imperterriti in ciò che stanno facendo.
in altre parole, seguitano a predare, tendono agguati o si inseguono,

confliggono attorno a qualche carcassa, iene o avvoltoi che siano, sbadigliano, come gli ippopotami, si esibiscono nei rituali di corteggiamento e,
perfino, partoriscono! ...
rizzato ama fulminare il movimento, ama cogliere al volo un comportamento, ama catturare l'attimo fuggente.
se è vero che la scienza comunica mediante cognizioni, e l'arte mediante emozioni, le immagini di questa mostra sono in grado di mettere
in perfetta sintonia queste due diverse possibilità in un solo e potente messaggio.
giorgio celli

esiste una realtà, un territorio ancora libero, dove uomini e animali possono ancora dialogare, annusarsi e respirare.
esiste un luogo, lontano – relativamente, ma vicino al cuore e all’anima di noi tutti, in cui è possibile riconoscere e riconoscersi in uno spirito
di libertà, genuinità e autenticità.
quel luogo, quel territorio oltre il tempo, vive ora nella rappresentazione fotografica di  pierluigi rizzato,il cui occhio ha colto e immortalato,
ha scrutato e comunicato con centinaia di animali, circoscrivendo uno spazio, rendendolo visibile, partecipe, oggetto d'indagine ma anche di
una ricerca, sistema concreto di una forma ma soprattutto di un messaggio: l’amore, la passione per gli animali.
enrico gusella




Il re della savana,
Tanzania 2000



Gioco tra elefanti, Zambia 2004


dal giovedì al sabato dalle 15,30 alle 19,30
o su appuntamento
fino al 12 marzo 2011


[ 2011 ]
[ attività espositiva museo ken damy ]
[ mostre ]
[ menu principale ]