livio senigalliesi (italia)
balkan
a cura del museo ken damy
aspettando la biennale internazionale di fotografia - città di brescia















livio senigalliesi è uno dei pochissimi
fotogiornalisti di livello internazionale
ad aver attraversato, dal 1991 ad oggi,
tutte le guerre balcaniche. nato a monza
nel 1956, senigalliesi è giornalista dall'81
e lavora da più di 10 anni come reporter
di guerra per le maggiori testate nazionali
ed estere. la passione per la fotografia
intesa come testimonianza e l'attenzione
ai fatti storici di questi ultimi anni l'hanno
portato su fronti caldi come il medio-oriente
ed il kurdistan, durante la guerra del golfo,
nella berlino della divisione e della
riunificazione, a mosca durante i giorni
del golpe che sancirono la fine dell'unione
sovietica ed infine nella ex-jugoslavia.
ha seguito tutte le fasi del conflitto dal 91
e dalla fine delle ostilità in bosnia ha iniziato
un ampio lavoro di documentazione sui
problemi del dopoguerra. i drammatici
reportage dal kosovo, frutto di una lunga
e rischiosa permanenza nella tormentata
regione balcanica , sono valsi all'autore
la nomination per il prestigioso "bajeux war
correspondent award 1998". le70 immagini
ratte da dieci lunghi anni di guerra sono state
esposte a berlino ed in numerose gallerie
italiane spesso a supporto di progetti umanitari.



per informazioni: info@museokendamy.com


[ catalogo ] [ collaborazioni e appuntamenti 2002 ]